Fragilità

  • 3 luglio 2018

Fragilità; la fragilità che ti porta a commettere un errore grande, la fragilità di chi giudica quell'errore sentendosi lontano dalla possibilità di commetterne uno simile; la fragilità di una società che isola chi sbaglia e crea timore in chi guarda da fuori; la fragilità che si manifesta nella consapevolezza di quell'errore, aprendo una grande ferita che continua a sanguinare.

Siamo esseri fragili e siamo stati creati cosí perché le nostre fragilità possano attirare quelle persone che si rivelano amiche; quelle persone che, standoci accanto,  fanno delle nostre fragilità la nostra forza. Siamo stati creati cosí, perché potessimo essere fragili insieme per poterci sentire liberi. Siamo stati creati cosí, perché potessimo riconoscere negli occhi dell'altro un essere fragile come noi, cioè una persona , un uomo, una donna, un ragazzo o una ragazza.

È questo che mi hanno insegnato i detenuti del carcere mentre dipingevamo questo murales, che le nostre fragilità ci rendono umani a prescindere da dove veniamo. A Pavia ho incontrato uomini feriti da loro stessi, con un grande bisogno di riscatto e con loro abbiamo dipinto questo murales che è simbolo di rinascita, di incontro e fragilità: il fiore che rinasce dalla terra sorretta da grandi mani dove un uomo e una donna ballano in equilibrio incontrando l'energia dell'altro. Tutto parla di fragilità in questo dipinto: dall'equilibrio insicuro dei due ballerini ai petali del fiore che vengono annaffiati dalla pioggia… Ma questo non impedisce ai due ballerini di iniziare a ballare e rinascere insieme.

L'incontro che più mi è rimasto impresso nella mente è quello con Claudio, un ragazzo non tanto più grande di me, che mentre dipingeva il cuore rosso mi ha detto:" questo cuore è per te, cosí quando guarderemo questo dipinto penseremo a questo bel momento".

Ele

​Vota ora! Clicca sulle stelline per dare il tuo voto

12345 (594 voti, totale: 2.518 stelle )
Loading...