Il bar di Sabrina

  • 30 agosto 2018

Il bar di Sabrina si trova proprio dietro la stazione di Porta Nuova, a Torino. Non è un bar particolare, anzi è piuttosto anonimo, persino bruttino. Non è il bar in cui porteresti la fidanzata, ecco. 

Eppure, qui convergono le storie di un quartiere, quello di San Salvario, che ha fatto dell'incontro un suo tratto distintivo.  Al mattino, quando esco per andare al lavoro, ci sono già gli operai cinesi che stanno ristrutturando il ristorante di fronte. C'è un giovane rabbino con il suo pc - la sinagoga è a 100 metri dal bar - e c'è Mario, con il suo calice di prosecco, anche se sono solo le 7 e lui ha tutta la giornata da far passare. 

All'angolo, vicino al ciliegio, ci sono spesso le prostitute - nigeriane, rumene, italiane. Prendono un caffè, si fumano una sigaretta e aspettano i clienti. Sabrina non chiede niente, lei ha un caffè per tutti, e per tutti un sorriso e una parola gentile. Qualche giorno fa ha scoperto che sono celiaca, e stamattina, quando sono passata davanti al bar, ancora vuoto, mi ha chiamato: " Ho preso delle crostatine senza glutine! " mi ha detto " Così se vuoi puoi anche fare colazione". 

Questo per me è l'incontro vero: non pietismo o facili giustificazioni, ma piccole attenzioni e un interesse vero per l'altro, qualunque sia la sua storia e il suo percorso di vita. 


Minemigranti

​Vota ora! Clicca sulle stelline per dare il tuo voto

​Vota ora! Clicca sulle stelline per dare il tuo voto

193 votes, average: 4,60 out of 5193 votes, average: 4,60 out of 5193 votes, average: 4,60 out of 5193 votes, average: 4,60 out of 5193 votes, average: 4,60 out of 5 (193 voti, media: 4,60 su 5)
Votazioni chiuse
Loading...